• Home
  • /
  • Category Archives: Morsa e Incudine

Di’ qualcosa

Sono seduta sul bordo del letto, le mani accostate ai fianchi. Fuori piove e il silenzio, interrotto dal tintinnare costante e denso di un’acqua che arriva a terra già sporca, mi sta facendo impazzire. Alcune piogge, inattese o annunciate, copiose o inconsistenti, sono così pesanti da poter inzuppare cuscini, durante notti bastarde che ti soffocano…

Pioverà

«Nonna, ma tu sei stata felice?», chiedo mentre siamo sedute in giardino. Lei rammenda dei calzini, mi spia da dietro degli occhiali spessi. Io agito le gambe nel vuoto, come se fossi su un’altalena, perché non tocco bene con i piedi per terra. Metà del tavolo è coperto da pomodorini messi a seccare. Picchia il…

Lettera a Clara

Amore mio, Clara, il sole entra prepotente in questa piccola stanza ormai spoglia delle tue cose. Rimane solo quella foto in bianco e nero appoggiata sul comodino. Tu, bella e bianca seduta sull’altalena di quel giardino tempestato di margherite. Parlavamo del nostro futuro, quando non avevo ancora nostalgia del vento che cullava i tuoi fianchi….

Giostra a cavalli

È uno di quei pomeriggi in cui l’inclinazione dei raggi è perfetta, quel chiaro scuro che si insegue durante tutto il giorno. C’è un leggero vento e i colori colpiti dal sole sono brillanti come in una tela di Monet. Sono i colori caldi dell’autunno, gli stessi del foulard che aggroviglio intorno al mio collo…

Abbraccio

Non è un pomeriggio come tanti, non capita mai che io abbia il tempo di leggere qualcosa. Cerco nella mia libreria e mi rendo conto che non ho voglia di interpretare parole messe una di fianco all’altra. È così che il prescelto è un libro sottile dal bordo nero. La copertina mi lascia subito senza…

Abbandadono

Mi sono svegliata all’alba, ho baciato Clara e Filippo e adesso sono seduta sul sedile di un aereo chiedendomi che madre sono. Sto andando alla ricerca di una felicità che non sarà mai mia. Sto andando a distruggere il freddo che mi resta dentro. Il rombo dei motori mi innervosisce o forse è solo l’ansia…

Another day in Paradise

Alla fine sto così, in ginocchio, chiusa dentro a un metro quadro e l’unica cosa a cui penso è che mi sto pisciando sui piedi. Capita quando devi sollevarti la gonna, piegare le gambe e urinare in una turca. È inevitabile, i miei sandali rossi nuovi saranno schizzati da quell’uscire violento. Sono in una posizione…

Cioccolato bugiardo

Chiudo la porta di casa e scendendo le scale il rumore dei miei tacchi echeggia a ogni passo. Penso che queste scarpe non le metterò più. Sfrego le dita tra di loro per l’agitazione e mi sento stupida. Sto per raggiungerti consapevole che nulla sarà come prima. Non busserai più per entrare tra le mura…

A te che sarai

“Non farò mai all’amore quello che l’amore ha fatto a me. Ci sono notti che mi costano giorni interi di malinconia, di inquietudine, di pianto. Giorni come questo in cui varrebbe la pena morire, ma resto intrappolata in un limbo di vorrei. Sono immobile in questa stanza a un passo dalla pazzia perché a mancarmi…

Il tutto, il niente

Sono agita, capita sempre più spesso quando, seduta davanti a uno specchio illuminato da neon abbaglianti, si riflettono bene i solchi che il mio viso porta con sé. Gli occhiali enormi, che poggiano sul naso, non nascondono la paura che ogni cellula della mia pelle si porta dentro. Comincio a muovere la bocca in maniera…

12